Nest e Google si stanno unendo: ecco cosa significa per i tuoi dispositivi intelligenti

Quando investi in un servizio e ami il modo in cui funziona, può essere preoccupante quando c'è un nuovo proprietario. Questo è il dilemma che i clienti del servizio di smart home Nest devono affrontare ora che l'azienda si sta fondendo con Google.

Google sta promuovendo la creazione da parte degli attuali utenti Nest di un account Google Nest. Ma alcuni clienti potrebbero preferire rimanere fermi per ora.

Se sei un utente Nest, cosa significa la fusione per te? Vedremo anche cosa otterranno i nuovi clienti di Google Nest.



Gli utenti Nest hanno invitato ad aggrapparsi

A maggio, Google ha annunciato che stava integrando Nest, una società che possedeva da anni, nel marchio Google. Il risultato è Google Nest.

Si profila una scadenza importante per i consumatori che adorano Nest e dispositivi Works With Nest di terze parti, come termostati intelligenti o telecamere di sicurezza. Il 31 agosto, gli utenti Nest non saranno più in grado di effettuare nuove connessioni Works With Nest o creare un nuovo account Nest.

Il piano di Google prevede che i titolari di account Nest migrino al nuovo servizio Google Nest. Tuttavia, non smetterà di supportare Nest né interromperà le connessioni di Works With Nest esistenti, poiché inizialmente minacciava.

Quindi cosa succede agli utenti Nest che non migrano su Google Nest? Attualmente, non molto.

La principale penalità è che mentre riceveranno aggiornamenti di sicurezza per i loro dispositivi, gli utenti Nest non potranno accedere a nessuna nuova funzionalità che Google Nest potrebbe sviluppare né accedere alla sua sicurezza avanzata. Questo potrebbe essere un vantaggio per alcuni utenti Nest fino a quando non scopriranno che tutte le loro connessioni di Works With Nest verranno interrotte dopo la migrazione a un account Google.

Google sta tentando di creare un hub smart home completo. Tramite il suo Works with Google Assistant, l'azienda afferma che alla fine fornirà tutte le funzioni attualmente disponibili per i dispositivi di terze parti di Works With Nest. Google sta attivamente cercando di convincere gli sviluppatori a lavorare con Works With Google Assistant.

Non sorprende che le aziende che attualmente collaborano con Works With Nest incoraggino gli utenti a non passare a Google.

Non lasciare ancora il nido

A questo punto, se sei un utente Nest, ha senso non effettuare ancora il passaggio. Al momento, i clienti Nest utilizzano Alexa di Amazon per controllare i prodotti Nest. Le luci intelligenti di Philips Hue e Lifx possono accendersi quando il termostato Nest rileva che sei a casa.

Il sistema di sicurezza di Abode può dire a Nest Cam di iniziare a registrare se rileva un movimento. IFTTT, che consente a tutti i tuoi dispositivi di comunicare tra loro, è anche un partner di Works with Nest.

Se i clienti Nest migrano ora su Google, perderanno l'accesso a tutti questi dispositivi. Dovranno aspettare per vedere se Works With Google Assistant collaborerà con gli sviluppatori di Works With Nest o se la società creerà le proprie versioni dei prodotti.

In breve, se gli utenti Nest passano ora a Google, molti dei loro dispositivi Works With Nest saranno obsoleti. D'altra parte, i dispositivi che già lavorano con Google non saranno interessati dallo switch.

Non tagliando l'accesso ai dispositivi Works With Nest e consentendo agli utenti Nest di mantenere i propri account, Google potrebbe tentare di creare un po 'di buona volontà. Buona volontà non solo con i consumatori ma anche con gli sviluppatori di Works With Nest.

È probabile che a un certo punto Google dirà abbastanza è sufficiente, ma la società probabilmente attenderà fino a quando i clienti Nest non potranno migrare senza problemi su Google Nest.