Evita questo popolare browser Web che raccoglie e condivide i tuoi dati

Esiste un posto sul Web che sia al sicuro dalla condivisione dei dati ?! Abbiamo già visto aziende così visibili come Google e Facebook rimanere intrappolati nella vendita di dati di utenti privati ​​a terzi, quindi perché qualcuno si preoccupa più della pratica?

Bene, per cominciare, i dati sono preziosi. In effetti, può aiutare gli esperti di marketing e gli inserzionisti a individuare le tue abitudini per venderti in modo più efficace. Questo è il nocciolo della questione che tiene a galla l'intero settore. Per quanto riguarda la privacy personale, beh, questo non sta facendo guadagnare soldi a nessuno, giusto? (Non dirlo a Facebook, però.)

A quanto pare, tuttavia, è stato rivelato che uno dei browser Web più popolari su Internet sta condividendo dati personali con uno dei più grandi nomi della tecnologia: Microsoft. Questo browser non solo segnala la tua attività, ma condivide anche la cronologia di navigazione non filtrata e allega il tuo nome utente! Se stai utilizzando questo browser in questo momento, potresti provare un'alternativa.



Microsoft punta alla raccolta di dati

Su PC Windows 10, Microsoft Edge viene automaticamente impostato come browser predefinito del sistema operativo. Edge è stato creato per sostituire Internet Explorer, famigerato e insicuro, e da allora ha accumulato una base di utenti considerevole.

Questo ha senso dal momento che sono i primi utenti del browser a cui vengono indirizzati quando si avvia il PC per la prima volta. Ciò che molti utenti potrebbero non sapere è che Microsoft ha tenuto d'occhio i tuoi dati privati ​​e ha anche il tuo nome allegato!

In un rapporto degli analisti della sicurezza informatica di Bleeping Computer, È stato scoperto che Microsoft Edge sta inviando gli URL completi dei siti Web visitati a un database aziendale, insieme al nome utente dell'account Microsoft! In altre parole, Microsoft conosce i luoghi che stai visitando e il fattovoi sono quelli che li hanno visitati.

Ciò è preoccupante per una serie di motivi, ma il più notevole è il fatto che Microsoft può facilmente assegnare un nome ai dati raccolti, proprio come fa Facebook.

Per non parlare del fatto che gli account Microsoft vengono creati dall'utente durante la configurazione iniziale di un PC, quindi non esiste davvero un modo per aggirare l'azienda di sapere chi sei a meno che tu non sia a conoscenza della condivisione dei dati prima di avviare per la prima volta.

Perché Microsoft ha bisogno di sapere tutto questo?

A quanto pare, le intenzioni di Microsoft sembrano essere almeno un po 'più nobili di altre mietitrici come Facebook. Il sistema che raccoglie l'URL e i dati dell'account fa parte di Windows Defender, il programma anti-malware fornito in dotazione con ogni PC.

Il processo specifico, denominato SmartScreen, invia URL a Microsoft allo scopo di analizzarli e verificarli contro siti di spam e phishing noti.

Se il servizio trova una corrispondenza, la identificherà e ti farà sapere direttamente dal tuo desktop. Per avvisarti in modo specifico, tuttavia, è necessario che i dati dell'evento siano abbinati al tuo computer. Ciò viene realizzato da - avete indovinato - utilizzando i dati del nome utente raccolti da SmartScreen.

Quindi, in un certo senso, il processo viene eseguito per rendere più sicuro l'utilizzo di Microsoft Edge. Tuttavia, c'è ancora una serie di difetti nel modo in cui Microsoft codifica e memorizza i dati che sta sifonando.

Qual è il rovescio della medaglia?

Abbiamo già visto come la raccolta dei dati possa rapidamente sfuggire al controllo e, indipendentemente dall'intenzione, il processo di Microsoft prende ancora i dati degli utenti privati ​​e li archivia per le proprie esigenze.

Inoltre, se un hacker fosse in grado di intercettare la trasmissione di dati, avrebbe un facile accesso ad alcune informazioni incredibilmente sensibili. Utilizzando i dati URL non crittografati, è molto più facile mettere insieme i dati privati ​​sulla vita di un utente di quanto non sarebbe se gli URL fossero oscurati.

E oscurare gli URL è esattamente ciò che fanno i servizi anti-phishing concorrenti in altri browser! Firefox e Chrome raccolgono anche URL e li confrontano con i database di siti Web noti per frodi, ma le informazioni che condividono sono crittografate per la protezione degli utenti. Ci sono zero ragioni per cui Microsoft sta inviando questi dati in un formato inferiore e forse pericoloso.

Se stai attualmente utilizzando Microsoft Edge, ti consigliamo vivamente di passare a un altro browser fino a quando Microsoft non passa alla condivisione dei dati crittografata. Il sistema che hanno progettato non è male, ma il metodo che stanno usando comporta molti più rischi che ricompense.

Se stai cercando di cambiare browser, Firefox è il miglior browser completo per la privacy e la protezione dei dati. Blocca anche i cookie di terze parti per impostazione predefinita!

Solo perché qualcosa è impostato sul valore predefinito non sempre lo rende l'opzione migliore per te da usare. Fortunatamente, ecco perché siamo qui: per darti consigli affidabili su ciò che funziona meglio per la tua sicurezza e privacy. Sei pronto per effettuare il passaggio?